video

Amelia e Amerino

Risultano n° 120 eccellenze turistiche:

Museo Archeologico Civico Archeologico Pinacoteca (COD: 120)

Importante raccolta di reperti provenienti dall'antica città romana di Ameria (odierna Amelia) dalle origini al Medioevo, distribuita secondo un percorso tematico. Oltre alla statua di Germanico, vi ...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Statua di Germanico: Splendido esempio di statua bronzea di epoca romana. E' alta m. 2,14 e raffigura il condottiero Germanico: bellissima la corazza d...

Quadreria: Vi sono raccolti diversi dipinti già conservati nel Palazzo Comunale: tra questi i ritratti di personaggi illustri

Museo Archeologico Civico Archeologico Pinacoteca »


Parco Fluviale del Tevere (COD: 221)

Paesaggi di eccezionale bellezza e uno straordinario ambiente vegetazionale e faunistico. E’ caratterizzato dal corso del Tevere, il fiume della storia, dal lago di Corbara e dall'Oasi di Alviano. L'U...

Parco Fluviale del Tevere »


Cisterne romane (COD: 121)

Testimonianza notevole di archeologia e importante esempio dell'ingegneria idraulica dei Romani: sono 10 ambienti di grandi dimensioni realizzati tra il I e il II sec. d.C. per l'approvvigionamento id...

Cisterne romane »


Collegiata di Santa Maria Assunta (COD: 137)

Gioiello dell'arte romanica, la chiesa è del XII sec. Splendida facciata con bel rosone e originale portico con colonnine tortili e lisce. Interno pervaso di misticismo: presbiterio sopraelevato e un ...

Collegiata di Santa Maria Assunta »


Oasi di Alviano (COD: 143)

Natura sovrana: un’oasi protetta di oltre 900 ha. e una delle zone umide più importanti in Italia per l'avifauna stanziale e migratoria. Sono presenti oltre 160 specie di uccelli di cui alcuni rarissi...

Oasi di Alviano »


Mura poligonali di Amelia (COD: 118)

Sono la più grandiosa testimonianza della civiltà italica. Definite ciclopiche per le proporzioni, sono mura possenti, paragonate in bellezza alle costruzioni degli Incas. Circondano la città per olt...

Mura poligonali di Amelia »


Foresta di Dunarobba (COD: 134)

Una distesa di 30 ha. alberi preistorici, un ambiente di forti suggestioni e quasi irreale, un rarissimo esempio di "foresta fossile" (se ne conoscono solo altre tre al mondo). Sono tronchi risalent...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Centro di documentazione Foresta di Dunarobba: Il laboratorio scientifico- didattico documenta i processi di fossilizzazione geologici della terra con particolare riferimento a...

Foresta di Dunarobba »


Via Flaminia (COD: 395)

Realizzata nel III sec.a.C. univa Roma all'Adriatico e fu una delle più importanti arterie consolari romane. E' visibile per consistenti tratti a Ocriculum, a Carsulae, ad Acquasparta.

Via Flaminia »


Via Amerina (COD: 396)

La strada collegava Roma al territorio amerino e fu importante arteria commerciale e di colonizzazione dell'antica Roma. Un buon tratto è visibile ad Amelia.

Via Amerina »


Cattedrale Amelia (COD: 122)

Costruita sul punto più alto della città, risale alla prima metà del XI secolo, ma fu più volte trasformata. L'intervento decisivo risale al '600 e fu in parte dovuto alla mano del Bernini. La decor...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Raccolta Storico-artistica del Duomo: Nel Duomo sono visitabili il monumento funebre del vescovo Giovanni Geraldini (1476 attribuito ad Agostino di Duccio, i sepolcri...

Colonna di Santa Firmina: E' la colonna a cui, secondo la tradizione, venne legata santa Firmina, patrona di Amelia, per essere martirizzata. Essa proviene ...

Raccolta Diocesana: Comprende diversi dipinti facenti parte del patrimonio ecclesiastico. Sono custoditi nei locali annessi al Duomo e verranno inclus...

Stendardi turchi: Sono le bandiere conquistate ai Turchi in occasione della battaglia di Candia o, secondo altri, nella battaglia di Lepanto.

Monumenti funebri dei Farrattini: Pregevoli esempi di monumenti funebri ornati da bassorilievi e statue collocate entro una struttura architettonica. Situati nella ...

Cattedrale Amelia »


Villa di Poggio Gramignano (COD: 138)

I resti di villa rustica riportati alla luce nel 1988 mostrano buona parte delle strutture dell'edificio tra cui i muri perimetrali e i pavimenti a mosaico. Utilizzata nel V sec. come cimitero, ha re...

Villa di Poggio Gramignano »


Torre Civica (COD: 124)

La torre, alta più di 32 m., domina il colle su cui sorge Amelia rappresentando, per la città, il simbolo delle libertà comunali. Ha pianta dodecagonale. Un'iscrizione la dice eretta nel 1050, in real...

Torre Civica »


Antiquarium di Lugnano in Teverina (COD: 139)

Di notevole interesse per la documentazione sulle ville rustiche di epoca romana, custodisce i reperti rinvenuti nella Villa di Poggio Gramignano, tra cui anfore contenenti i corpi di 47 bambini, un...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Bambolina d'avorio: Il piccolo giocattolo è uno dei rari esempi pervenuti fino a noi. Si tratta di una bambolina, alta poco più di 10 cm., lavorata ...

Antiquarium di Lugnano in Teverina »


Palazzo Farrattini (COD: 126)

Elegante ed armonica architettura: risulta una copia in scala ridotta del Palazzo Farnese di Roma. Progettato da Antonio da Sangallo il Giovane, fu realizzato nella prima metà del '500. All'interno si...

Palazzo Farrattini »


Edicola votiva (COD: 142)

Un piccolo gioiello dell'arte rinascimentale. L'edicola votiva fu dipinta, secondo la valutazione dello Zeri, da Piermatteo d'Amelia con affreschi aventi per soggetto il ciclo mariano.

Edicola votiva »


Chiesa di San Francesco - Amelia (COD: 127)

Eretta nel 1287 in forme romanico-gotiche fu trasformata nel '400 con l'aggiunta del chiostro e del convento. Oltre ad affreschi di scuola giottesca, conserva i 6 sepolcri della famiglia Geraldini: q...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Monumenti funebri dei Geraldini: Pregevoli opere scultoree situate nella cappella dedicata alla famiglia Geraldini. I sepolcri di Matteo ed Elisabetta sono opera ...

Chiesa di San Francesco - Amelia »


Rio Grande - lago Vecchio - La Para (COD: 133)

Un ambiente naturale di grande pregio e un’oasi di tranquillità: l'area del torrente Rio Grande e del lago Vecchio, un bacino formato dallo sbarramento della diga medievale della Para, sono stati dich...

Rio Grande - lago Vecchio - La Para »


Castello di Poggio Guardea (COD: 280)

Elegante e imponente si erge sull'alto di un colle: fu costruito nell'XI sec. La struttura architettonica mostra recinti fortificati e un'elegante corte interna. All'interno si ammira la sala dei Cava...

Castello di Poggio Guardea »


Castello di Guardea - Guardege (COD: 281)

Sulla cima di un colle che sovrasta Guardea sono visibili gli imponenti ruderi del castello che venne costruito a dominio del territorio. Nel sec. XIII divenne proprietà dei signori di Alviano.

Castello di Guardea - Guardege »


Boschi di Farnetta (COD: 351)

La presenza di boschi di quercus frainetto o farnia - da cui deriverebbe anche il nome del paese - è eccezionale. I boschi qui presenti sono dunque un'eccellenza ambientale di rilievo.

Boschi di Farnetta »


Chiesa di San Simeone (COD: 447)

Chiesa romanica costruita nel XII sec. con notevoli resti dell'impianto originario.

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Madonna di Porchiano: La dolcissima immagine della Madonna, da molti critici attribuita a Piermatteo d'Amelia, è speculare alla Madonna dell'edicola vot...

La pietra del miracolo di Bolsena: La pietra macchiata di sangue fuoriuscito dall'ostia consacrata proviene da Bolsena, luogo dove avvenne il cosiddetto "miracolo d...

Chiesa di San Simeone »


Chiesa parrocchiale di Alviano (COD: 516)

Sorta nel XV sec. conserva all'interno interessanti opere: una "Adorazione della madonna" di Niccolò Alunno e un affresco del Pordenone avente per soggetto la "Madonna tra i santi Girolamo e Gregorio"...

Chiesa parrocchiale di Alviano »


Grotta Bella (COD: 136)

Suggestivo complesso ipogeo composto da una grande grotta e molti cunicoli ricchi di concrezioni. All'interno sono stati rinvenuti reperti dell'uomo primitivo, soprattutto materiale ceramico e una sti...

Grotta Bella »


Calanchi (COD: 517)

Un paesaggio quasi surreale e un contesto ambientale unico caratterizzano il territorio tra Baschi e Alviano e presso Allerona. I calanchi, tipiche formazioni dovute alla accentuata erosione dei terre...

Calanchi »


Madonna del Perugino (COD: 409)

L'immagine della "Madonna" posta sull'altare della chiesa detta della Madonna del Perugino, per la sua fine fattura, sarebbe stata dipinta dal grande artista, ma non se ne ha certezza. Nella chiesa s...

Madonna del Perugino »


Monte Castellari - Monte Pianicel Grande (COD: 528)

Siti archeologici riferibili a insediamenti fortificati di età preoromana costruiti sulle cime dei monti per ragioni di sicurezza e per controllare il territorio e la viabilità dell'Amerino.

Monte Castellari - Monte Pianicel Grande »


Loggia del banditore (COD: 123)

Tipica tribuna del Medioevo da cui venivano emanati gli editti e letti i bandi alla popolazione. La loggia è sormontata da un orologio e affiancata da una colonna eretta nel 1479 in onore di Stefano ...

Loggia del banditore »


Convento di San Francesco (COD: 256)

Articolata struttura architettonica di sicuro impatto visivo risalente ai primi anni del '200: ha cinta muraria, chiesa, monastero e suggestivo chiostro. Fu costruita sul luogo ove san Francesco oper...

Convento di San Francesco »


Villa rustica di Cocciano (COD: 285)

La grande villa rustica, un'azienda agricola, risalente al II sec. d.C. venne scoperta nel 1921: i reperti qui rinvenuti sono conservati nella Raccolta archeologica di Guardea.

Villa rustica di Cocciano »


Torri di Collicello (COD: 450)

Ben otto torri e una cerchia muraria fanno di Collicello uno dei borghi medievali dall'aspetto intatto e suggestivo. L'imponenza del complesso testimonia l'importanza dell'avamposto in epoca medievale...

Torri di Collicello »


Palazzo Venturelli (COD: 553)

Nobile edificio appartenuto alla famiglia Venturelli, fu edificato sui resti di una domus romana (di cui si ammirano alcuni mosaici a motivi geometrici e floreali), conserva all'interno ampi saloni de...

Palazzo Venturelli »


Mammalocchi (COD: 257)

Sono curiose e grandi colonne in travertino scolpite con figurazioni allegoriche con funzione di cariatidi poste all'ingresso di una villa privata che sorge alla periferia del paese.

Mammalocchi »


Palazzo Geraldini Battista (COD: 565)

Eretto nel XV sec. su edifici di epoca romana di cui sono ancora visibili le strutture, presenta cinque sale affrescate dai fratelli Zuccari e da un pittore di scuola fiamminga.

Palazzo Geraldini Battista »


Palazzo Petrignani (COD: 125)

Notevole esempio di edificio nobiliare costruito nel '500 in stile rinascimentale. Le sale interne presentano volte a crociera e notevoli decorazioni ad affresco di scuola degli Zuccari. Particolarmen...

Palazzo Petrignani »


Palazzo Pennone o Ridolfi-Farnese (COD: 141)

Domina il paese di Lugnano e per il suo sviluppo verticale viene chiamato Pennone. Eretto nel XVI sec. sul posto del vecchio Palazzo del Podestà, è sede del Comune e ospita l'Antiquarium. E' caratte...

Palazzo Pennone o Ridolfi-Farnese »


Eremo di Santa Illuminata (COD: 287)

Eremo camaldolese fondato da san Romualdo nel 1007, il convento si sviluppò nel XIII sec. dopo che in questo sito soggiornò san Francesco: il Poverello di Assisi era solito ritirarsi in preghiera in u...

Eremo di Santa Illuminata »


Convento di Galisciano e grotta di San Francesco (COD: 452)

Ruderi di un convento prima benedettino e poi francescano, dove sostò san Francesco che amava ritirarsi in preghiera in una grotta vicina.

Convento di Galisciano e grotta di San Francesco »


Presepe artistico permanente (COD: 567)

E' stato definito un capolavoro delle riproduzioni in miniatura. Si tratta di circa 140 statue in movimento e 50 fisse.

Presepe artistico permanente »


Palazzo Orsini (COD: 259)

Palazzo nobiliare appartenuto a Maharbale Orsini. Sulla facciata si vede lo stemma costituito dalla rosa schiacciata degli Orsini e dall'anguilla degli Anguillara, le due famiglie che qui abitarono. ...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Quattro stagioni: Realizzate nel '700 sono sculture poste all'ingresso del Palazzo Orsini: rappresentano i volti dei componenti della famiglia Orsi...

Palazzo Orsini »


Grotta di San Francesco (COD: 288)

Misticità e ricordi francescani: è una cavità naturale frequentata da san Francesco che qui amava ritirarsi in preghiera e dormire. Il letto di pietra è indicato da una lapide su cui è scritto "Lect...

Grotta di San Francesco »


Valle di Cocciano (COD: 289)

Una valle chiusa e uno dei luoghi più suggestivi dell'Amerino. Nella valle un piccolo borgo e, sui rilievi, alcuni insediamenti monastici immersi nel verde dei boschi.

Valle di Cocciano »


Teatro sociale (COD: 128)

Il teatro di Amelia rappresenta il modello in piccolo del Teatro la Fenice di Venezia. Costruito nel 1782, ha pianta a ferro di cavallo tipica del "teatro ad operina". Bello il sipario dipinto da Do...

Teatro sociale »


Castello di Alviano (COD: 144)

Tra i più bei castelli italiani in puro stile rinascimentale: è un’imponente costruzione a pianta quadrata con 4 torrioni angolari. Lega la sua storia al famoso capitano di ventura Bartolomeo di Alvi...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Cappella delle Rondini: La cappella, parte integrante del castello, presenta l'affresco raffigurante il "Miracolo delle rondini" riferito a un episodio di...

Museo storico multimediale dei Capitani di ventura: Museo storico-didattico interattivo dedicato a Bartolomeo d'Alviano e ai capitani di ventura dell'Umbria. Esposizione di documenti...

Museo della Civiltà contadina: Al museo sono dedicate tre sale dove sono esposti i più significativi strumenti ed utensili utilizzati dalle famiglie alvianesi t...

Mostra del Parco del Tevere: L' itinerario espositivo si sviluppa attraverso alcune sale del Castello: viene documentato l'ecosistema del Parco del Tevere e, ...

Castello di Alviano »


Portonella o Porta Novella (COD: 261)

La porta, di costruzione più recente rispetto alla Porta Civica, si apre nella cinta urbica cittadina che si affaccia verso la valle del Tevere. Occupa il sito di una delle torri di avvistamento della...

Portonella o Porta Novella »


Chiesa di Sant'Andrea Corsini (COD: 360)

La chiesa è parte integrante del castello Corsini di Sismano. In essa si conservano tele del Polinori e di Palminius Alvi.

Chiesa di Sant'Andrea Corsini »


Sedili del popolo (COD: 262)

Lungo il bordo della porta Urbica e sulla piazza centrale si vedono i tipici "sedili del popolo", così detti perché qui si siede la gente a conversare.

Sedili del popolo »


Torre dell'orologio (COD: 361)

Singolare orologio posto alla sommità della torre: si tratta di un esemplare con un'unica lancetta. Rappresenta un momento di passaggio tra il più antico sistema in vigore nel '600, poi sostituito da ...

Torre dell'orologio »


Villa di Pennavecchia (COD: 263)

Villa rustica romana: di essa restano parti di un mosaico pavimentale e di una fornace, fatto questo che documenta la sua importanza nell'ambito del territorio amerino. Nell'area si trovano resti di t...

Villa di Pennavecchia »


Convento della SS. Annunziata (COD: 552)

Situato nel cuore di un'area verde, fu edificato nel XIV sec. e abitato dai frati Minori Francescani. La costruzione articolata inotrno a un armonioso chiostro, si impone all'attenzione per la sobri...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Presepe della SS. Annunziata: Raro esempio di artigianato spagnolo eseguito da Juan Mari Oliva. Realizzato in gesso è suddiviso in diverse scene visibili attrav...

Planetario: Riproduce i fenomeni astronomici di maggiore importanza: il sistema solare, i movimenti apparenti della volta celeste, le costella...

Convento della SS. Annunziata »


Porte, castello e gradinata di Santa Restituta (COD: 369)

Un borgo caratteristico in splendida posizione. Due porte sormontate da torri danno accesso a una caratteristica strada gradinata che attraversa il centro storico.

Porte, castello e gradinata di Santa Restituta »


Organo di San Magno (COD: 132)

Esempio unico di organo italiano (1680) con doppia tastiera e doppi registri in modo da poter essere suonato nella cantoria e nella chiesa: questo accorgimento permetteva all'organista di non entrare...

Organo di San Magno »


Arco della coscienza planetaria (COD: 278)

Un grande arco costruito con frammenti dei più significativi siti del pianeta per simboleggiare l'adesione ai principi universali della convivenza sulla terra. L'iniziativa è stata promossa dal Comune...

Arco della coscienza planetaria »


Porta Romana (COD: 443)

E' la principale delle 4 porte che si aprono lunga la cinta muraria di Amelia. (Romana, Posterola, della Valle e Leone). Di origine medievale ma rifatta alla fine del '500, conserva le porte in legno ...

Porta Romana »


Palazzo Ducale (COD: 149)

Il grandioso edificio mostra l'impostazione architettonica che nel '600 gli diede il Maderno. E' contraddistinto da due torrioni, uno dei quali con terrazza angolare e stemma dei duchi Mattei. Il Pa...

Palazzo Ducale »


Chiesa di Sant'Agostino (COD: 444)

Un bel portale ogivale e un rosone con raggiera di 16 colonnine contraddistinguono la facciata della chiesa di impostazione romanico gotica. All'interno (barocco) pregevole organo Morettini e, come c...

Chiesa di Sant'Agostino »


Chiesa di San Nicolò (COD: 150)

Dichiarata monumento nazionale, fu progettata da Ippolito Scalza e costruita nel 1576 su un edificio religioso duecentesco. Mostra una bella facciata rinascimentale. All'interno conserva un notevole p...

ALTRE ECCELLENZE FRUIBILI NELLO STESSO SITO:

Trittico di Giovanni di Paolo: Significativa opera del Rinascimento italiano, il trittico raffigura la "Madonna col Bambino tra i Santi" ed è stato realizzato da...

Chiesa di San Nicolò »


Museo della Civiltà Contadina (COD: 350)

L'esposizione permanente di attrezzi e strumenti della civiltà contadina è ospita nell'edificio scolastico dove sono ricostruiti ambienti della civiltà rurale: raccoglie 3500 pezzi: strumenti e docume...

Museo della Civiltà Contadina »


Strada romana (COD: 445)

Sotto il piano stradale di via della Repubblica sono venuti alla luce dei tratti di strada che costituivano il "cardo" dell'antica via romana.

Strada romana »


Villa romana di Popiliano (COD: 253)

Resti di una grande villa rustica romana, una delle tante aziende agricole sorte lungo la fertile valle del Tevere. Prende il nome dal suo antico proprietario C. Popilio: Conserva un pavimento a mosai...

Villa romana di Popiliano »


Cimitero (COD: 282)

L'antico cimitero di Guardea, luogo cult per gli appassionati dei film noir, è stato trasformato in un giardino all'inglese.

Cimitero »


Grotta delle Fate (COD: 254)

E' la più grande di un gruppo di grotte situate sul monte Ventene. Di natura carsica e situata nel territorio del comune di Lugnano in Teverina, è ricca di leggende della tradizione popolare.

Grotta delle Fate »


Piazza Panfili (COD: 283)

Un angolo suggestivo del centro storico. La piazza è divenuta famosa perché qui si sono girate scene del film Dellamorte Dellamore.

Piazza Panfili »


Convento dei Cappuccini (COD: 255)

Immerso in un boschetto di cerri e in posizione panoramica, fu costruito dagli abitanti di Lugnano nel 1579. E' stato dedicato a Sant'Antonio. All'interno bei dipinti su tela.

Convento dei Cappuccini »


Li Fossi (COD: 284)

Imponenti tratti di mura megalitiche risalenti al III sec. a.C.: facevano parte di un sistema che serviva ad arginare le acque dei corsi d'acqua, per salvaguardare le coltivazioni.

Li Fossi »


Chiesa della Confraternita del Rosario Quadrelli (COD: 354)

Un bellissimo soffitto decorato con terrecotte ove si vede lo stemma del cardinale Nicola Canali. Inoltre la chiesa è abbellita da diversi affreschi.

Chiesa della Confraternita del Rosario Quadrelli »


Chiesa della Madonna Assunta e San Giovanni Batt. (COD: 410)

Elegante facciata neoclassica rosa e bianca, la chiesa fu edificata a metà del '700. All'interno l'immagine dell'Assunta forse opera dell'Alunno o della sua scuola.

Chiesa della Madonna Assunta e San Giovanni Batt. »


Forte Cesare (COD: 355)

Fortezza posta su un colle risalente al XII sec. Costruita a guardia del Corridoio Bizantino, importante arteria stradale che collegava Roma a Ravenna. Deve il nome, quasi sicuramente, a Cesare Borgi...

Forte Cesare »


Raccolta archeologica (COD: 286)

Collezione di reperti archeologici provenienti dal territorio di Guardea e dalla villa rustica di Cocciano.

Raccolta archeologica »


Chiesa di San Bartolomeo Casteltodino (COD: 356)

Parte della struttura architettonica è inserita nell'antica cinta muraria. Eretta nell'XI sec. fu ristrutturata nel XVII. All'interno alcuni affreschi e un Crocifisso in legno.

Chiesa di San Bartolomeo Casteltodino »


Santa Maria delle Castella (COD: 412)

Chiesa settecentesca restaurata e particolarmente interessante perché vi si trova un affresco che raffigura Frattuccia. Un borgo fortificato con mura e torri posto in una gradevole posizione.

Santa Maria delle Castella »


Chiesa di San Gregorio - Foce (COD: 451)

Di impianto romanico, conserva il pavimento originario, le immagini dei Santi Evangelisti e, su una pietra, l'indicazione del valore della "soma". Graziosa l'abside.

Chiesa di San Gregorio - Foce »


Porta Civica (COD: 258)

E' l'ingresso principale del paese e risulta addossata alla chiesa parrocchiale. Si apre lunga l'antica cinta muraria e dà accesso al caratteristico borgo medievale.

Porta Civica »


Fortezza di Dunarobba (COD: 358)

Di sicuro impatto visivo la rinascimentale rocca fortificata un tempo sede di guarnigione militare. Si presenta con pianta quadrangolare con quattro torrioni angolari circolari. Di proprietà privata.

Fortezza di Dunarobba »


Santuario della Madonna delle Grazie (COD: 453)

Il santuario fu eretto dai Cistercensi nel 1719 sul luogo ove si trovava l'immagine miracolosa della Madonna, tuttora molto venerata.

Santuario della Madonna delle Grazie »


Palazzo del Governatore (COD: 260)

Di elegante e architettura (XV sec.), si allunga sulla piazza centrale del paese. L'edificio, conosciuto anche come Palazzo del Podestà, fu la sede del governatore del popolo, donde il nome.

Palazzo del Governatore »


Fortezza di Sismano (COD: 359)

Appare come un massiccio e alto fortilizio a dominio del territorio e del piccolo paese sottostante. Ebbe notevole importanza strategica fu teatro di aspre lotte per tutto il Medioevo. Di proprietà ...

Fortezza di Sismano »


Affresco di Domenico Bruschi (COD: 290)

L'originale affresco si trova nel catino absidale della chiesa ottocentesca di Santa Lucia: raffigura "Cristo glorificato tra la Madonna e san Giuseppe ed i santi Agnese, Lucia, Francesco d’Assisi, Se...

Affresco di Domenico Bruschi »


Vicolo delle Baciafemmine (COD: 129)

Una curiosità da non perdere. Il toponimo svela la sua principale caratteristica: il vicolo è così stretto che, incontrandosi con un'altra persona, si è costretti ad entrare in contatto con lei: una b...

Vicolo delle Baciafemmine »


Chiesa di San Nicolò (COD: 345)

Svetta sul panorama del paese di Montecastrilli con il caratteristico e slanciato campanile. L'interno barocco conserva diverse opere d'arte tra cui un "Crocifisso" in legno del '400.

Chiesa di San Nicolò »


Torre di Macchie (COD: 457)

Caratteristico castello tratti di mura e una torre. Il territorio circostante, ricco di boschi intatti, ha grande pregio ambientale tanto che è attivo un Progetto didattico-naturalistico di Macchie-A...

Torre di Macchie »


Castello di Attigliano (COD: 362)

Dell'antico complesso castellano o Palazzo Baronale restano 5 torrioni e parte della cinta muraria: risale al XIV sec. ma fu successivamente ampliato tanto che si sviluppò su quattro piani.

Castello di Attigliano »


Palazzo Nacci (COD: 500)

Nobile edificio eretto nel XI secolo unendo precedenti edifici medievali e case torri. Notevole il portale d'ingresso e il loggiato.

Palazzo Nacci »


Teatro (COD: 348)

Grazioso e piccolo teatro con facciata in stile liberty costruito nel 1928 per la locale Filodrammatica.

Teatro »


Tombe di Marziano Jana (COD: 372)

In prossimità del Tevere sono venute alla luce tombe e cripte di origine etrusca scavate nel tufo: da qui provengono diversi reperti come vasellame e corredi funerari. Sono presenti anche testimonianz...

Tombe di Marziano Jana »


Chiesa di Santa Maria delle Cinque Fonti (COD: 502)

Sorta intorno a un'edicola devozionale del XIII sec. eretta sul luogo ove aveva predicato san Francesco, conserva numerosi ex-voto e affreschi votivi. Il toponimo deriva dalla presenza di cinque canne...

Chiesa di Santa Maria delle Cinque Fonti »


Chiesa di San Pietro e Cesareo (COD: 279)

Ad un'unica navata con cappelle laterali, fu costruita nel '700. Conserva opere del Perini e le spoglie del beato Pascuccio.

Chiesa di San Pietro e Cesareo »


Chiesa della SS. Trinità (COD: 349)

La parrocchiale sorse nel 1617. All'interno conserva una "Madonna del Rosario" attribuita ad Andrea Polinori e altre opere dello stesso.

Chiesa della SS. Trinità »


Porta Amerina e Porta medievale (COD: 382)

E' quanto rimane dell'antico complesso fortificato di Montecastrilli, vale a dire di quel castrum da cui prese nome il paese di Montecastrilli. Porta Amerina è caratterizzata da due archi e conosciut...

Porta Amerina e Porta medievale »


Chiesa di Santa Monica (COD: 503)

Decisamente interessante la decorazione della volta ove è raffigurata, con una sorprendente visione prospettica, la "Gloria di sant'Agostino"

Chiesa di Santa Monica »


Monastero di Santa Chiara (COD: 383)

Nella chiesa annessa al convento si ammira una grande tela raffigurante l'Assunta (XVIII sec.) posta entro una cornice in pastiglia romana.

Monastero di Santa Chiara »


Chiesa di Santa Vittorina (COD: 509)

Notevole esempio di arte romanica, la chiesa di Santa Vittorina è un'antica pieve risalente all'XI sec.

Chiesa di Santa Vittorina »


Chiesa di Santa Maria Assunta (COD: 352)

Chiesa protoromanica del XII sec, poi ristrutturata. All'interno una "Pietà" in terracotta, di scuola germanica (XV° sec.) e l'affresco di " Sant'lsidoro". Nell'edificio sono presenti materiali di rei...

Chiesa di Santa Maria Assunta »


Porta Urbica o Portella Quadrelli (COD: 353)

Torre pentagonale irregolare, risalente al XII° secolo facente parte del sistema di fortificazioni di Quadrelli, un tempo potente castello delle Terre Arnolfe sorto a controllo della via Ulpiana. La t...

Porta Urbica o Portella Quadrelli »


Rocca di Canale (COD: 449)

I ruderi dell'antica roccaforte sono testimonianza dell'imponenza e dell'importanza della roccaforte per il territorio amerino.

Rocca di Canale »


Cappella di San Rocco (COD: 411)

Oggi trasformata in Sacrario dei Caduti, conserva un bel Crocifisso di scuola folignate dove è possibile vedere un panorama di Gerusalemme riferibile al '500.

Cappella di San Rocco »


Parco Aiola (COD: 413)

Parco pubblico panoramico attrezzato: è dotato di pineta, pista di pattinaggio, campi da tennis ed una riserva di daini. Vi si svolgono diverse manifestazioni ricreative tra cui la tradizionale Ottobr...

Parco Aiola »


Villa Aspreta - Le Colonne (COD: 421)

Due colonne danno accesso a un lungo viale che giunge fino alla villa: questa venne costruita nel '700 su un preesistente edificio realizzato da Antonio da Sangallo. Qui è anche il sito di una villa r...

Villa Aspreta - Le Colonne »


Parco San Silvestro (COD: 454)

Parco attrezzato per picnic e divertimenti immerso in un bosco di lecci.

Parco San Silvestro »


Torre Palommara (COD: 456)

E' così chiamata perché eretta per produrre la "colombina", concime prodotto dagli escrementi dei piccioni. La sua altezza richiamava gli animali. Nel territorio di Amelia ve ne sono 33.

Torre Palommara »


Chiesa di San Lorenzo in Nifili (COD: 346)

Interessante chiesa romanica edificata nell'XI secolo per la cui costruzione sono stati utilizzati blocchi di pietra di epoca romana. All'interno originale volta a botte.

Chiesa di San Lorenzo in Nifili »


Torrione (COD: 347)

La torre è quanto rimane dell'antico castello di Avigliano, una delle fortezze strategiche del territorio in epoca medievale.

Torrione »

Ditt - elenco soci ed esterni - Segnaletica permanente - info@ditt.it - © Green Consulting - Privacy Policy

Piazzale Felice Fatati 6 - Collestatte Piano Terni - Italia - T.+39 0744 431949 - F.+39 0744 449430 - P.IVA 01247060559 - N. REA 82851